Malattie apparato riproduttivo femminile


Alcune sono evidenti. Alcune si possono diagnosticare precocemente (*)

  • riproF

    Infezioni dell'apparato genitale:  infezioni vaginali,
    malattia infiammatoria pelvica (PID)che possono talvolta essere anche Malattie sessualmente trasmesse
  • Disturbi dell'ovulazione (asse ipotalamo - ipofisi - ovaio) *  Un´adolescente su due ha problemi di irregolarità mestruali soprattutto nei due anni dopo il menarca, quando molti cicli sono ancora anovulatori. A partire dal 3°-4° anno il ciclo si regolarizza. Alla irregolarità mestruale  talvolta si associano anche altri disturbi come l'acne e la crescita eccessiva di peli (tipiche della malattia dell'"ovaio policistico").
  • Endometriosi *
  • Malattie dell'utero (fibromi, adenomiosi, polipi)
  • Malattie dell'ovaio (cisti)
  • Malformazioni del tratto riproduttivo
  • Altri disturbi delle ghiandole endocrine (tiroide)
  • Malattie genetiche (anomalie dei cromosomi sessuali e non, anomalie di alcuni geni)
  • Danni da farmaci o terapie (in particolare anti-tumorali)

  

Segni spia che devono farci chiedere il parere di un medico

Un controllo è raccomandabile nel caso in cui si presentino uno o più dei seguenti sintomi:

  • Assenza delle mestruazioni e/o irregolarità mestruali : normalmente i cicli mestruali iniziano circa ogni 28 giorni. I cicli sono irregolari se sono distanti tra loro meno di 24 giorni o più di 35 giorni. Le irregolarità, normali in adolescenza, dovrebbero scomparire entro 4 anni dalla prima mestruazione.  Le irregolarità sono tanto più importanti se associate a comparsa di peli in eccesso o nelle sedi dove normalmente li hanno solo i maschi (baffi, barba, etc), oppure ad acne.
  • Mestruazioni molto dolorose, nelle quali il dolore non passa con i comuni anti-dolorifici o si protrae per più giorni con intensità invariata o aumentata; mestruazioni che, con il passare dei mesi, diventano sempre più dolorose.
  • Dolori addominali o pelvici indipendenti dalle mestruazioni, costanti o saltuari ma ricorrenti, associati o meno alla presenza di febbricola.
  • Dolori durante i rapporti sessuali.
  • Problemi intestinali e/o urinari che si presentano sistematicamente durante le mestruazioni (diarrea, dolore quando si va in bagno, cistite...).
  • Perdite vaginali non tipiche: scure, biancastre, giallastre o verdastre, fluide, dense o mucose, associate o meno a prurito o bruciore o a cattivo odore.
  • Comparsa di piccole escrescenze cutanee o  bollicine che bruciano o prudono o danno dolore  a livello dell'apparato genitale, della zona anale o della cute che li circonda.

 

Per saperne di più ...

logo fertilità 4usCopyright 2014  Fertilità4Us - Tutti i diritti riservati
webadmin: RC web Genova
Sito ospitato su server MCDUE Servizi Internet
Leggi le informative: Informativa sui Cookies e Informativa Privacy

RC Web - siti e database personalizzati
Croci Rita